X115® SD
Special Defence 16 €

Rinfresca il Palato e Promuove la Salute dei Denti. Con Xilitolo, Vitamina D e Antiossidanti Naturali, sostiene le Naturali Difese dell'Organismo contro i Danni del Fumo

Il Fresco Piacere di Una Bocca Sana

X115® SD - Special Defence - è un integratore alimentare in compresse masticabili, utile per combattere l'alito cattivo e promuovere la salute dei denti e del cavo orale.

Le sue pratiche compresse masticabili senza zucchero, al gradevole gusto menta, sono fortificate da un ricco pool di vitamine e antiossidanti naturali, importanti per il benessere della bocca e dell'intero organismo.

Particolarmente indicato per fumatori.

Come Funziona

X115® SD - Special Defence - contiene un ricco pool di micronutrienti e sostanze nutraceutiche, selezionati e opportunamente dosati per proteggere la salute dei denti e supportare le naturali difese dell'organismo contro i danni del fumo e dell'inqunamento (avvertenze):

  • Xilitolo e Olio essenziale di Menta
  • Estratti di agrumi, titolati in bioflavonoidi
  • Acido Folico e Vitamina B12
  • Vitamina C e Vitamina E
  • N-AcetilCisteina
  • Vitamina D

Come si Usa

Porta sempre con Te X115® SD, grazie al pratico flaconcino tascabile con tappo a pressione.

Si consiglia di assumere, masticandole o lasciandole sciogliere in bocca, da un minimo di 5 fino a un massimo di 20 compresse al giorno, distribuite durante la giornata e dopo i pasti.



Per i fumatori, nel rispetto delle dosi sopra-indicate, è possibile assumere una compressa dopo ogni sigaretta fumata (avvertenze). In questo modo, le dosi di principi attivi assunte risultano adeguate al numero di sigarette fumate.

Perché un Integratore per Fumatori?

Diversi studi mostrano che, mediamente, i fumatori tendono a consumare meno frutta, vegetali [4a] [5a] e integratori vitaminici e antiossidanti [112a] [120a] [121a] [122a] rispetto ai non fumatori. Questo aspetto - unitamente all'effetto depauperante e pro-ossidante del fumo in sé - determina una riduzione delle concentrazioni dei principali antiossidanti esogeni (ad es. la vitamina C), ed endogeni (come la melatonina) e di altre molecole utili (come la Vitamina D), con un incremento dello stress ossidativo [1a] [2a] [113a]. Stress ossidativo che giocherebbe un ruolo importante nell'insorgenza delle malattie fumo-correlate e nell'invecchiamento precoce della pelle.

Mentre vi è un più diffuso consenso nel riconoscere il ruolo della dieta e degli alimenti ricchi di antiossidanti (frutta e verdura) nella prevenzione dei danni del fumo e della malattie fumo-correlate, l'effettiva utilità protettiva di un'integrazione nutrizionale rimane dibattuta. Questo perché, sebbene diversi studi attribuiscano ai principi attivi contenuti all'interno di X115® SD una potenziale utilità nel prevenire i danni del fumo e nel promuovere la salute dei fumatori [9a] [114a] [115a] [116a] [117a] [118a] [123a] [124a] [125a] [126a] [127a] [128a] [129a] [130a] [131a] [135a] [136a] [137a], con effetti positivi anche nel prevenire l'invecchiamento precoce della pelle indotto dal fumo [138a], non tutti gli studi riconoscono tale beneficio.

Raccomandazioni Importanti

Prima di considerare l'uso di un integratore alimentare per sostenere le difese dell'organismo contro i danni del fumo, è importante rivolgersi a un medico o ad altri professionisti abilitati e compiere ogni ragionevole sforzo per ottimizzare il proprio stile di vita, eliminando comportamenti scorretti (come il fumo) e adottando sane abitudini alimentari.

Se i tentativi di smettere di fumare falliscono, sotto consiglio medico, l'impiego di un integratore come X115® SD può rappresentare un aiuto per ottimizzare l'apporto di quei nutrienti che l'organismo utilizza nei propri naturali sistemi di difesa contro i danni del fumo e la cui carenza può favorire l'insorgenza di patologie fumo-correlate.

Avvertenze

Non eccedere la dose consigliata; un consumo eccessivo può avere effetti lassativi. In caso di uso prolungato, è necessario il parere del medico. Il prodotto è controindicato in gravidanza, durante l’allattamento e al di sotto dei 12 anni. Tenere lontano dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni. Gli integratori non vanno considerati come sostituti di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita sano. Conservare in luogo fresco e asciutto. La data di scadenza si riferisce al prodotto correttamente conservato.

Avvertenze specifiche per fumatori

Non esistono diete, farmaci o integratori capaci di annullare totalmente i numerosi e gravi effetti dannosi del fumo e di assicurare una protezione assoluta dalle malattie fumo-correlate. La migliore e più efficace protezione dai danni del fumo si ottiene solo evitando di fumare; chiedi consiglio al tuo medico curante sui trattamenti utili per smettere di fumare.
L'assunzione di X115®SD non dev'essere considerata un'alternativa all'interruzione dell'abitudine tabagica: smettere di fumare rimane sempre e comunque la scelta più consigliabile. L'uso e la promozione di questo integratore non devono essere interpretati come una legittimazione o un incentivo al fumo, né come espediente per ridurre l'impegno nella disassuefazione dal fumo.

In presenza di malattie fumo-correlate manifeste, l'assunzione di qualsivoglia integratore deve tassativamente avvenire previa autorizzazione del proprio medico curante, a cui spetta il compito di valutarne l'idoneità e l'assenza di interazioni con le cure in atto.

Ingredienti

Agenti di Carica: Sorbitolo, Cellulosa Microcristallina, Xilitolo; Acido Ascorbico, N-AcetilCisteina, Bioflavonoidi da agrumi, Antiagglomeranti: Silice colloidale, Magnesio Stearato; Vitamina E acetato, Menta Olio Essenziale, Vitamina B12 0,1%, Acido Folico, Vitamina D3.


Valori Nutrizionali
Principi attivi Per 1 cp^ Per 5 cp^ VNR*
Vitamina C mg 20 100 125%
N-Acetil Cisteina mg 15 75 -
Bioflavonoidi da agrumi mg 9 45 -
Vitamina E mg 1 5 42%
Acido folico mcg 20 100 50%
Vitamina B12 mcg 1 5 200%
Vitamina D mcg 1 5 100%

^ Compressa/e
° Valori Nutritivi di Riferimento


Informazioni Scientifiche

Materiale informativo per medici, farmacisti e professionisti della salute

Di seguito sono riportate le più importanti evidenze scientifiche relative ai principi attivi di X115® SD e al loro ruolo di sostegno nutrizionale nel mantenimento della salute dei denti e del cavo orale, e delle naturali difese dell'organismo contro i danni del fumo.

X115® SD è privo di saccarosio (zucchero da cucina) e contiene Xilitolo, di cui è ben nota l'attività preventiva nei confronti della carie dentale e delle patologie infiammatorie del cavo orale.

Dalla letteratura scientifica emerge il ruolo chiave dello Xilitolo nel prevenire la carie dentale [4] [5].
Tale attività deriverebbe dalla capacità di inibire la proliferazione di batteri cariogeni, come lo Streptococco mutans [ 6] [7], e di compromettere l'adesione del biofilm batterico allo smalto dentario [8] [9].
Al di là della prevenzione nei confronti della carie dentale, lo Xilitolo eserciterebbe anche un'apprezzabile azione protettiva nei confronti delle patologie parodontali come la gengivite [10] [11].
Il tutto sarebbe riconducibile, oltre all'attività diretta nei confronti della placca, anche alla capacità dello Xilitolo di inibire l'attività infiammatoria lesiva nel cavo orale [ 12] e contestualmente contribuire al mantenimento di una adeguata igiene orale [13].

X115® SD, al fine di preservare il corretto stato di salute del cavo orale, fornisce quantitativi particolarmente generosi di vitamina C, pari a 20 mg per compressa. Si tratta di una vitamina poliedrica, importantissima per la salute dei denti e dell'intero organismo, e particolarmente preziosa per i fumatori.

La carenza di Vitamina C è stata ampiamente documentata nei pazienti affetti da patologie infiammatorie del cavo orale [14], con particolare riferimento ad alcune categorie di pazienti ad alto rischio, come i diabetici ed i fumatori [15] [16].
Per questo motivo, anche in virtù della sua spiccata attività antiossidante, la Vitamina C è stata impiegata con successo nelle patologie parodontali, rivelandosi efficace, anche in trial clinici, nel controllare le complicanze di queste condizioni [17].
Interessante sarebbe anche l'associazione tra deficit intra-orale di Vitamina C e carie dentale, per lo più dovuta ad un iperproliferazione dello Streptococco mutans [18].

L'N-Acetil Cisteina presente in X115® SD potenzia le difese antiossidanti del cavo orale, offrendo un ulteriore scudo nei confronti dei radicali liberi dell'ossigeno.
Lo stress ossidativo è infatti uno dei principali protagonisti delle parodontopatie, soprattutto in particolari tipi di pazienti, come i fumatori e i diabetici.

E' ben noto come diverse patologie del cavo orale, soprattutto quelle di natura infiammatoria, siano sostenute anche da un forte stress ossidativo.
In questo contesto si inserisce l'N-AcetilCisteina, in grado di controllare l'espressione di mediatori della flogosi ed enzimi responsabili dell'infiammazione delle strutture parodontali [19].
La stessa sostanza, per via indiretta, potenzierebbe le difese antiossidanti, offrendo un ulteriore rimedio alle lesioni del cavo orale indotte da specie altamente reattive come i prodotti di glicosilazione avanzata, molto frequenti nei fumatori e nei diabetici [20]

I 9 mg per compressa di Bioflavonoidi di agrumi presenti in X115® SD completano il pull di antiossidanti del cavo orale, offrendo una valida protezione nei confronti sia delle patologie parodontali che di disturbi clinicamente meno gravi come l'alitosi e la carie dentale

Sulla scia dell'attività protettiva degli antiossidanti, i Bioflavonoidi sono stati impiegati con successo nel trattamento e nella prevenzione delle patologie infiammatorie del cavo orale [21].
In particolare queste molecole, dotate di spiccato potere nutraceutico, sarebbero in grado di modulare l'espressione di citochine infiammatorie controllando la flogosi delle strutture parodontali [22], soprattutto in alcuni individui a rischio come i fumatori.
Interessanti sarebbero anche i dati derivanti da altri studi, che attribuirebbero ai flavonoidi in generale la capacità di controllare l'alitosi [23] [24] e le possibili ripercussioni psico-socio-relazionali.
E' ben noto come diverse patologie del cavo orale, soprattutto quelle di natura infiammatoria, siano sostenute, oltre che da un forte stress ossidativo, anche da un iperproliferazione di batteri patogeni.
La contestuale azione antisettica, amplierebbe alla prevenzione della carie dentale [25] [ 26] lo spettro di attività utili dei bioflavonoidi.
In tal senso, quindi, l'uso di antiossidanti come i bioflavonoidi risulterebbe uno strumento utile ed efficace nel trattamento di vari disturbi del cavo orale [27].

X115® SD completa il pull di antiossidanti con la presenza di Vitamina E, per 1 mg a compressa, offrendo complementarietà agli altri ingredienti presenti.

Il ruolo antiossidante della Vitamina E è oramai ben caratterizzato, soprattutto per le ripercussioni sul sistema cardiovascolare e neurologico.
L'enorme impatto ossidante del fumo di sigaretta dissipa gran parte delle riserve antiossidanti del cavo orale, esponendolo così al rischio di patologie infiammatorie.
In quest'ottica l'uso di Vitamina E si è dimostrato utile nel controllare l'incidenza e la gravità di gengivostomatiti, nella popolazione adulta [28], e nel controllare l'insorgenza di complicanze in corso di periodontite cronica [29].
L'efficacia della somministrazione di Vitamina E nei disturbi infiammatori del cavo orale è testimoniata anche dal potenziamento delle riserve di elementi antiossidanti come la Superossidodismutasi [30].

L'olio essenziale di menta oltre a donare un gusto gradevole all'integratore X115® SD e a combattere l'alitosi, ne potenzia l'attività benefica nei confronti del cavo orale.

L'olio essenziale di menta è tradizionalmente considerato un toccasana per lo stato di salute del cavo orale.
Oltre ad avere una diretta azione sull'alitosi, controllando la produzione di composti volatili sulfurei [31], l'olio essenziale di menta presenta un'efficace attività antisettica e antimicrobica [32], preziosa nel ridurre l'entità del biofilm batterico adeso alla placca dentaria [33] [34]

X115® SD fornisce circa 1 mcg di Vitamina B12 per compressa, scongiurando così il rischio di carenza, talvolta responsabile di un aggravamento del quadro clinico presente in corso di parodontopatie.

Numerosi studi epidemiologici connettono la carenza di Vitamina B12 ad un maggiore rischio e gravità della patologia parodontale [35].
Per questo motiv, l'uso di supplementi multivitaminici contenenti anche la Vitamina B12, si sarebbe rivelato utile nel migliorare la condizione clinica in corso di parodontopatie [36].
Preziosa sarebbe anche l'attività della Vitamina B12 nella prevenzione di complicanze a danno del cavo orale, indotte ad esempio dal fumo di sigaretta o da altre patologie sistemiche [37] [38].

Al fine di colmare le carenze indotte da abitudini errate, esercitando al contempo un'azione protettiva nei confronti delle strutture parodontali, in X115® SD è presente Acido Folico nelle opportune quantità

Da ormai diversi anni è noto il potenziale benefico dell'acido folico sullo stato di salute generale del cavo orale [42] [43].
Diversi studi [44] [45] [ 46] dimostrano infatti come l'uso di acido folico, sia attraverso integratori che mediante l'utilizzo di prodotti per uso topico, eserciterebbe un'azione protettiva nei confronti della gengiva sottoposta a stimolo infiammatorio.

La presenza di Vitamina D3 in X115® SD contribuisce a ridurre il rischio di carenze vitaminiche responsabili di un aggravamento delle lesioni e delle patologie infiammatorie del cavo orale, molto frequenti in particolari categorie di pazienti a rischio come i fumatori. Tra le numerosissime funzioni della Vitamina D vi sarebbero anche quelle protettive nei confronti della salute del cavo orale.

Questa vitamina sembrerebbe:

  • Esercitare un'azione antinfiammatoria dose-dipendente in corso di gengivite [48];
  • Ridurre l'espressione di citochine infiammatorie in corso di patologie parodontali [49];
  • Prevenire l'instaurarsi della carie in piccoli pazienti [50], e ridurrebbe il rischio di carie nei nascituri, se adeguatamente assunta durante la gravidanza [51] [52];
  • Ridurre il rischio di complicanze ossee in corso di parodontopatie e patologie infiammatorie del cavo orale [53].

Oltre che da numerosi trials clinici, queste proprietà sono ulteriormente evidenziate da dati epidemiologici che descrivono stati carenziali di questa vitamina nelle patologie del cavo orale [54] [55]


Di seguito sono riportate le più importanti evidenze scientifiche che attribuiscono ai principi attivi di X115® SD un ruolo di sostegno nutrizionale alle naturali difese dell'organismo contro l'inquinamento e i danni del Fumo

Diversi studi dimostrano che nei fumatori si possono apprezzare carenze significative di alcune vitamine [1a] [2a].

Come anticipato, tali carenze sarebbero correlabili sia all'attività depauperante del fumo stesso [3a], sia a cattive abitudini alimentari [4a], [5a] (mediamente più comuni nei fumatori rispetto alla popolazione non fumatrice).

X115® SD è stato formulato per apportare le principali vitamine carenti nei fumatori.
L'assunzione di una compressa per ogni sigaretta fumata può essere una buona strategia per adattare l'apporto vitaminico all'intensità del tabagismo.

Di seguito sono riportati maggiori dettagli sulle specifiche carenze vitaminiche comunemente riscontrate nei fumatori e sui danni del fumo ad esse correlati.

Il fumo determina un consumo significativo di vitamina C [6a] [7a] [8a], necessaria per contrastare i radicali liberi prodotti dal fumo di sigaretta stesso. [9a] [10a] [11a] [12a]
Una riduzione delle concentrazioni di vitamina C si associa a un aumento del rischio di alcune forme di cancro [13a] [14a] [15a] [16a], come quella del cavo orale, che risulta più comune tra i fumatori [17a] [18a] [19a] [20a].
Un maggior consumo di Vitamina C, come quello indotto dal fumo di sigaretta, sembrerebbe inoltre correlato a un aumentato rischio di patologie cardiovascolari [21a] [22a] e a disturbi della fertilità, sia maschile che femminile [23a] [24a]. Inoltre, sembra che - all'interno della popolazione fumatrice - i livelli di vitamina C nel sangue siano generalmente inferiori nei soggetti affetti da malattie cardiovascolari rispetto ai fumatori sani [111a].

Alla luce di questi studi, la Food and Nutrition Board (facente capo all'Accademia delle Scienze statunitense) ha stabilito che la dose giornaliera raccomandata di Vitamina C dev'essere di gran lunga superiore per i fumatori (maggiore di 200mg/die contro i 90mg/die per i non fumatori).

X115® SD apporta 20mg di vitamina C per compressa.

Cinque compresse, pari alla dose minima di assunzione suggerita, forniscono 100mg di Vitamina C, coprendo abbondantemente il fabbisogno di un adulto (60-80mg/die), anche se ricerche in merito indicano fabbisogni di Vit. C fino a 2-3 volte superiori nei fumatori (120-200mg/die) [25a] [26a].

Dieci Compresse di X115® SD apportano 200mg di Vitamina C, coprendo abbondantemente tale fabbisogno.

Venti Compresse, pari alla dose massima suggerita, apportano 400mg di Vitamina C.

Aldilà dei noti effetti deleteri sulla salute dello scheletro, recentemente alla carenza di vitamina D è stato associato un significativo aumento del rischio cardiovascolare [27a] [28a] [29a] [30a] e di sviluppare steatosi epatica non alcolica (fegato grasso) [31a] [32a]. [33a]

Riguardo ai danni del fumo, risulta molto interessante anche l'associazione dimostrata tra bassi livelli di Vitamina D e gravità delle malattie polmonari [34a] [35a] [36a]. Ancora, uno studio ha dimostrato come i fumatori che si espongono in maniera importante alla luce solare presenterebbero un rischio di morte prematura analogo a quello dei soggetti non fumatori che evitano l'esposizione solare, rimarcando così l'importanza della vitamina D per la salute dell'organismo [110a].
Altrettanto interessante, soprattutto per i fumatori, risulterebbe anche l'associazione diretta tra stati subcarenziali di vitamina D e manifestazioni infiammatorie, sia biologiche che cliniche [37a] [38a].

X115® SD apporta 1mcg di vitamina D per compressa.

Cinque Compresse, pari alla dose di assunzione minima suggerita, sono sufficienti per coprire il fabbisogno medio di Vitamina D di un adulto, stimato in 5mcg al giorno.

X115® SD apporta Vitamina D sottoforma di calcitriolo (Vit. D3), che rappresenta la forma biologicamente attiva della vitamina.

Il fumo di sigaretta aumenta il fabbisogno di acido folico [39a] [40a], specie se associato al consumo di alcool [41a].

Carenze di acido folico sono associate a problemi di anemia [42a], a riduzione della fertilità [43a] [44a], a un aumento del rischio cardiovascolare [45a], a difetti del tubo neurale del feto se la carenza riguarda donne in gravidanza [46a] e all'aumentata incidenza di alcune forme di tumori [47a] [48a].

Stati carenziali di acido folico sarebbero associati anche a un accelerato invecchiamento neuronale e all'aumentato rischio di patologie neurodegenerative [49a] [50a].

X115® SD apporta apporta 20mcg di Acido Folico per compressa.

Dieci compresse apportano 200mcg di acido folico, coprendo il fabbisogno medio di un adulto, stimato appunto in 200mcg al giorno.

Similmente alla carenza di acido folico, un deficit di vitamina B12 è associato a problemi di anemia [51a] [52a] e sembra essere correlato anche all'aumento del rischio cardiovascolare[52a] e a un calo della fertilità [53a].

Indipendentemente dall'abitudine tabagica, una carenza subclinica di vitamina B12 è piuttosto diffusa nella popolazione italiana [54a].
L'integrazione di vitamina B12 è spesso associata a quella di acido folico, in quanto l'integrazione di una sola delle due tende a nascondere i sintomi da carenza dell'altra.

Per tale motivo, questa preziosa vitamina è stata inserita nella formulazione di X115® SD, che ne apporta 1mcg per compressa.
Cinque Compresse, pari alla dose di assunzione minima suggerita, sono sufficienti per coprire il fabbisogno medio di un adulto, stimato in 2,5mcg al giorno.

La carenza di vitamina E si ripercuote negativamente sulla struttura e la funzionalità dei nervi, causando problemi neurologici e neuromuscolari [55a].
Comuni sono anche problemi di anemia [56a], retinopatia [57a] e compromissioni immunitarie [58a] [59a].

Secondo alcuni studi, il fumo di sigaretta aumenterebbe il consumo della vitamina E, riducendone le concentrazioni nel sangue rispetto ai non-fumatori [119a]; tuttavia, è doveroso precisare che carenze di vitamina E conclamate sono molto rare nella popolazione, sia fumatrice che non fumatrice [60a].

Consapevoli della fondamentale importanza della vitamina E nei sistemi di difesa antiossidante, diversi studi hanno indagato eventuali benefici di una sua integrazione massiva nella popolazione fumatrice come strategia preventiva oncologica.
Pur riconoscendo l'importanza di un'adeguata assunzione di Vit. E, a causa di studi dai risultati contrastanti, una specifica integrazione ad alti dosaggi è generalmente considerata inefficace nella prevenzione dei tumori fumo-correlati e non [61a] [62a] [63a].
Per questo motivo le concentrazioni di vitamina E in X115® SD non sono così significative, se paragonate a quelle delle altre vitamine con maggiori evidenze sulla loro potenziale utilità contro i danni del fumo.

Cinque Compresse, pari alla dose di assunzione minima suggerita, coprono circa il 42% del fabbisogno medio di un adulto, stimato in 12mcg al giorno. Tale fabbisogno viene abbondantemente coperto dall'assunzione di 12 o più compresse.

Il fumo di sigaretta produce significative quantità di radicali liberi [64a] [65a] [66a]. E' stato stimato che fumare una sola sigaretta può introdurre circa 10 milioni di miliardi di radicali reattivi nell'organismo.

I radicali liberi in eccesso tendono a causare danni di natura ossidativa a livello di DNA, proteine e lipidi. Per questo possono essere implicati nell'insorgenza di molti danni del fumo e patologie fumo-correlate [67a] come l'enfisema [68a] [69a] e le malattie cardiovascolari su base aterogenica [111a].

X115® SD apporta un ampio pool di sostanze con potenzialità antiossidanti, tra le quali spiccano la Vitamina C, la Vitamina E, i flavonoidi da agrumi, la N-acetilcsteina

Il fumo di sigaretta (sia attivo che passivo) aumenta in modo statisticamente rilevante il rischio di contrarre diverse malattie, diminuendo l'aspettativa e la qualità di vita [70a].

Tra le patologie fumo-correlate rientrano diverse malattie cardiovascolari (aterosclerosi [71a] [72a] e sue complicanze, come ictus e infarto [73a] ), malattie respiratorie [74a] e varie tipologie di tumori, soprattutto ai polmoni [75a] [76a], ma anche della bocca [77a], del rene [78a], della vescica [79a] [80a], del pancreas [81a] e dello stomaco [82a]

Attualmente non esistono farmaci o integratori in grado di annullare gli effetti deleteri del fumo e assicurare una protezione assoluta da queste malattie. Come ricordato, la migliore e più efficace protezione dai danni del fumo si ottiene solo smettendo di fumare [83a].

L'apporto adeguato di vitamine e antiossidanti nella dieta è comunque utile per contrastare l'aumento dello stress ossidativo causato dal fumo, che diversi autori ritengono alla base di molte malattie fumo-correlate [84a] [85a].

Per questi motivi la personalizzazione del dosaggio, che sotto consiglio medico può prevedere l'assunzione di 1 compressa di X115® SD dopo ogni sigaretta fumata, da un minimo di 5 fino a un massimo di 20 compresse al giorno, rappresenta una strategia importante per fornire un adeguato apporto di antiossidanti ai fumatori, proporzionale alla gravità del tabagismo.

L'integrazione di N-acetilcisteina aiuta a fluidificare le secrezioni bronchiali, risultando particolarmente utile in presenza di iperproduzione di catarro, che accompagna diverse malattie polmonari comuni nei fumatori [91a] [92a]. All'integrazione con N-acetilcisteina è attribuito anche un ruolo positivo nel ridurre il rischio di aggravamento e nel migliorare i sintomi della BPCO [134a].
Anche l'olio essenziale di menta, oltre a mascherare efficacemente l'alitosi da fumo di sigaretta, esercita un'azione positiva per la funzionalità delle prime vie respiratorie, tanto da essere usato in fitoterapia per il trattamento delle infiammazioni e delle affezioni catarrali delle vie aeree superiori.
Ricordiamo che gli integratori alimentari non hanno finalità curativa e che il loro uso in presenza di patologie conclamate deve avvenire solo previa autorizzazione medica.

I tumori per i quali il fumo di sigaretta rappresenta un fattore di rischio sono molteplici.

Il principale e più noto è indubbiamente il tumore al polmone, ma i danni del fumo interessano anche molti altri organi.

Nello speciifco, il fumo aumenta anche il rischio di cancro: della vescica, del fegato, della bocca, della laringe, dell'esofago, del pancreas.

I risultati contrastanti presenti in letteratura, portano alcuni esperti a sconsigliare l'integrazione a lungo termine di vitamine e antiossidanti ad alto dosaggio come strumento di prevenzione tumorale [86a] [87a] [88a].

Tali criticità nascono dai risultati contrastanti presenti in letteratura: alcuni studi, infatti, mostrano un potenziale ruolo benefico di certi integratori antiossidanti nel ridurre il rischio di cancro nei fumatori [129a] [130a] [136a], mentre altre sperimentali non riconoscono tale beneficio.

Vi sono poi altri studi secondo cui un eccesso di alcuni antiossidanti (in particolare di beta-carotene, NON presente all'interno di X115® SD) potrebbe avere un effetto sfavorevole, cioè aumentare il rischio di sviluppare alcune forme tumorali nei fumatori [89a] [90a].

L'abitudine al fumo di sigaretta (detta tabagismo) rappresenta una delle principali cause di alito cattivo [93a]X115® SD contiene generosi quantitativi di estratto di menta naturale titolato in mentolo, capace di regalare un'istantanea e duratura sensazione di freschezza. L'olio essenziale di menta è molto utilizzato nei prodotti per l'igiene orale e nei collutori contro l'alitosi, per mascherare l'alito cattivo.
Grazie alla presenza di xilitolo e all'assenza di zucchero, il consumo delle compresse di X115® SD al posto di caramelle contro l'alito cattivo contenenti saccarosio, contribuisce a mantenere la mineralizzazione dentale e a prevenire la carie.

I fumatori sono esposti a un maggior rischio di parodontite [94a] [95a], una malattia infiammatoria che colpisce e danneggia i tessuti di sostegno dentali, fino a causare la caduta dei denti.

Nei fumatori si osserva anche una maggiore tendenza all'accumulo di tartaro, alla recessione dentale e a discromie (macchie dei denti) [96a] [97a]

Le compresse masticabili di X115 apportano quantità significative di xilitolo, per il quale è stata appurata un'azione positiva nel ridurre la placca dentale. Quest'ultima, se non adeguatamente rimossa, aumenta il rischio di carie dentale e - trasformandosi in tartaro - di problemi gengivali e parodontite.

Grazie alla presenza di xilitolo, il consumo di X115® SD al posto delle caramelle contro l'alitosi contenenti zucchero, contribuisce al mantenimento della mineralizzazione dentale.

Inoltre, in uno studio, i livelli sierici di acido folico e vitamina B12 sono risultati correlati al grado di infiammazione e distruzione del periodonto in pazienti con parodontite [98a]. Anche la carenza di vitamina C sembra espletare un ruolo favorente. Ancora, un altro studio ha dimostrato una significativa associazione tra il deficit di vitamina D nei fumatori e il danno parodontale [123a]. Pertanto, la presenza di acido folico e Vitamine C, D e B12 all'interno di X115® SD può costituire un ulteriore aiuto per prevenire le patologie dentali fumo-correlate.

Alla base del fenomeno, sembra esservi l'azione della nicotina a livello del sistema nervoso centrale (cervello). A questo livello, infatti, la nicotina appare in grado di attivare la via mesolimbica, il circuito all'interno del cervello che regola le sensazioni di piacere ed euforia legate al fumo di sigaretta [99a] [100a] [101a].

Per combattere la dipendenza da sigaretta sono comunemente usati interventi psicoterapeutici e farmacologici, spesso con scarsi risultati [102a] [103a] [104a].

Sebbene si tratti di evidenze preliminari, che necessitano di ulteriori conferme scientifiche, le attività biologiche di melatonina e N-acetilcisteina (entrambe contenute in X115® SD) ne suggerirebbero una potenziale utilità per la disuassefazione da fumo [105a] [106a] [132a] [133a] .

La melatonina, ad esempio, nel corso di uno studio clinico, ha dimostrato di migliorare significativamente i sintomi di astinenza acuta da nicotina come ansia, agitazione, tensione, depressione, rabbia e desiderio di sigarette [107a]. E' invece meglio caratterizzata l'azione antiossidante di entrambe le molecole, e l'efficacia della melatonina nel ridurre il tempo necessario per addormentarsi. Il fatto che il desiderio di fumare sia minore alla sera, quando i livelli di melatonina sono maggiori, avvalora la potenziale utilità di questa sostanza nella disassuefazione da fumo [108a] [109a].

Il fumo di sigaretta causa sfavorevoli cambiamenti istologici della pelle e tende a favorire lo sviluppo di diverse malattie cutanee, inclusi alcuni tumori della pelle.

Anche sul piano estetico i danni del fumo sono evidenti; è stato infatti osservato che la pelle di forti fumatori all'età di 40 anni ricorda la pelle di adulti non fumatori all'età di 70 anni, data la comparsa precoce di segni di invecchiamento come rughe, solchi e macchie cutanee [139a].

Antiossidanti, vitamine e acidi grassi polinsaturi omega-3 sono comunemente impiegati come integratori anti-age, nel tentativo di rallentare l'ineluttabile invecchiamento della pelle, sia in soggetti fumatori che in non fumatori. Riguardo a questi ultimi, gli studi presenti in letteratura che si concentrano nello studiare l'effetto di questi integratori sull'invecchiamento precoce della pelle sono molto limitati.

In uno studio specifico, svolto su fumatori, una simile strategia integrativa ha prodotto risultati positivi nel migliorare l'aspetto della pelle (riduzione delle rughe sottili e aumento dell'elasticità cutanea)[138a]

Bibliografia essenziale

[1] Effect of three-year consumption of erythritol, xylitol and sorbitol candies on various plaque and salivary caries-related variables.
Runnel R, Mäkinen KK, Honkala S, Olak J, Mäkinen PL, Nõmmela R, Vahlberg T, Honkala E, Saag M.
J Dent. 2013 Dec;41(12):1236-4

[2] Salivary mutans streptococci and dental caries in three-year-old children after maternal exposure to chewing gums containing combinations of xylitol, sorbitol, chlorhexidine, and fluoride.
Thorild I, Lindau B, Twetman S.
Acta Odontol Scand. 2004 Oct;62(5):245-50

[3] Remineralizing potential, antiplaque and antigingivitis effects of xylitol and sorbitol sweetened chewing gum.
Steinberg LM, Odusola F, Mandel ID.
Clin Prev Dent. 1992 Sep-Oct;14(5):31-4

[4] Xylitol and caries prevention.
Duane B.
Evid Based Dent. 2015 Jun;16(2):37-8

[5] Xylitol-containing products for preventing dental caries in children and adults.
Riley P, Moore D, Ahmed F, Sharif MO, Worthington HV.
Cochrane Database Syst Rev. 2015 Mar 26;(3):CD010743

[6] Synergistic inhibition of Streptococcal biofilm by ribose and xylitol.
Lee HJ, Kim SC, Kim J, Do A, Han SY, Lee BD, Lee HH, Lee MC, Lee SH, Oh T, Park S, Hong SH.
Arch Oral Biol. 2015 Feb;60(2):304-12

[7] Effect of xylitol chewing gum on salivary Streptococcus mutans in preschool children.
Autio JT.
ASDC J Dent Child. 2002 Jan-Apr;69(1):81-6, 13

[8] Antibiofilm and antibacterial activities of farnesol and xylitol as potential endodontic irrigants.
Alves FR, Neves MA, Silva MG, Rôças IN, Siqueira JF Jr.
Braz Dent J. 2013;24(3):224-9.

[19] Metabolomic effects of xylitol and fluoride on plaque biofilm in vivo.
Takahashi N, Washio J.
J Dent Res. 2011 Dec;90(12):1463-8.

[10] Effects of sugar-free chewing gum sweetened with xylitol or maltitol on the development of gingivitis and plaque: a randomized clinical trial.
Keukenmeester RS, Slot DE, Rosema NA, Van Loveren C, Van der Weijden GA.
Int J Dent Hyg. 2014 Nov;12(4):238-44

[11] Remineralizing potential, antiplaque and antigingivitis effects of xylitol and sorbitol sweetened chewing gum.
Steinberg LM, Odusola F, Mandel ID.
Clin Prev Dent. 1992 Sep-Oct;14(5):31-4

[12] Xylitol, an anticaries agent, exhibits potent inhibition of inflammatory responses in human THP-1-derived macrophages infected with Porphyromonas gingivalis.
Park E, Na HS, Kim SM, Wallet S, Cha S, Chung J.
J Periodontol. 2014 Jun;85(6):e212-2

[13] Chewing xylitol gum improves self-rated and objective indicators of oral health status under conditions interrupting regular oral hygiene.
Hashiba T, Takeuchi K, Shimazaki Y, Takeshita T, Yamashita Y.
Tohoku J Exp Med. 2015;235(1):39-46

[14] Ascorbic acid: new role of an age-old micronutrient in the management of periodontal disease in older adults.
Alagl AS, Bhat SG.
Geriatr Gerontol Int. 2015 Mar;15(3):241-54

[15] A short-term evaluation of the relationship between plasma ascorbic acid levels and periodontal disease in systemically healthy and type 2 diabetes mellitus subjects.
Gokhale NH, Acharya AB, Patil VS, Trivedi DJ, Thakur SL.
J Diet Suppl. 2013 Jun;10(2):93-104

[16] Evaluation of the effects of periodontal treatment on levels of ascorbic acid in smokers.
Mathias TM, Silva JF, Sapata VM, Marson FC, Zanoni JN, Silva CO.
J Int Acad Periodontol. 2014 Oct;16(4):109-14

[17] Effects of an ascorbic acid-derivative dentifrice in patients with gingivitis: a double-masked, randomized, controlled clinical trial.
Shimabukuro Y, Nakayama Y, Ogata Y, Tamazawa K, Shimauchi H, Nishida T, Ito K, Chikazawa T, Kataoka S, Murakami S.
J Periodontol. 2015 Jan;86(1):27-35.

[18] Dental caries and mutans streptococci in relation to plasma ascorbic acid.
Väänänen MK, Markkanen HA, Tuovinen VJ, Kullaa AM, Karinpää AM, Luoma H, Kumpusalo EA.
Scand J Dent Res. 1994 Apr;102(2):103-8

[19] N-acetylcysteine prevents LPS-induced pro-inflammatory cytokines and MMP2 production in gingival fibroblasts.
Kim DY, Jun JH, Lee HL, Woo KM, Ryoo HM, Kim GS, Baek JH, Han SB.
Arch Pharm Res. 2007 Oct;30(10):1283-92

[20] Advanced glycation endproducts (AGEs) induce oxidant stress in the gingiva: a potential mechanism underlying accelerated periodontal disease associated with diabetes.
Schmidt AM, Weidman E, Lalla E, Yan SD, Hori O, Cao R, Brett JG, Lamster IB.
J Periodontal Res. 1996 Oct;31(7):508-15

[21] Effect of flavonoids on gingivitis].
Wiedemann W, Klinger HG, Hübers B.
Dtsch Zahnarztl Z. 1983 Jan;38(1):56-8

[22] Biological activities and possible dental application of three major groups of polyphenols.
Sakagami H.
J Pharmacol Sci. 2014;126(2):92-106.

[23] Green tea extract and its major constituent epigallocatechin-3-gallate inhibit growth and halitosis-related properties of Solobacterium moorei.
Morin MP, Bedran TB, Fournier-Larente J, Haas B, Azelmat J, Grenier D.
BMC Complement Altern Med. 2015 Mar 10;15:48.

[24] Tea catechin EGCg suppresses the mgl gene associated with halitosis.
Xu X, Zhou XD, Wu CD.
J Dent Res. 2010 Nov;89(11):1304-8

[25] Cranberry polyphenols: potential benefits for dental caries and periodontal disease.
Bonifait L, Grenier D.
J Can Dent Assoc. 2010;76:a13

[26] A randomized trial on the inhibitory effect of chewing gum containing tea polyphenol on caries.
Tao DY, Shu CB, Lo EC, Lu HX, Feng XP.
J Clin Pediatr Dent. 2013 Fall;38(1):67-70

[27] Antibacterial effect of crude extract and metabolites of Phytolacca americana on pathogens responsible for periodontal inflammatory diseases and dental caries.
Patra JK, Kim ES, Oh K, Kim HJ, Kim Y, Baek KH.
BMC Complement Altern Med. 2014 Sep 20;14:343

[28] Use of vitamin E oil in primary herpes gingivostomatitis in an adult.
Starasoler S, Haber GS.
N Y State Dent J. 1978 Nov;44(9):382-3

[29] Vitamin E supplementation, superoxide dismutase status, and outcome of scaling and root planing in patients with chronic periodontitis: a randomized clinical trial.
Singh N, Chander Narula S, Kumar Sharma R, Tewari S, Kumar Sehgal P.
J Periodontol. 2014 Feb;85(2):242-9

[30] The impact of antioxidant agents complimentary to periodontal therapy on oxidative stress and periodontal outcomes: A systematic review.
Muniz FW, Nogueira SB, Mendes FL, Rösing CK, Moreira MM, de Andrade GM, Carvalho Rde S.
Arch Oral Biol. 2015 Sep;60(9):1203-14

[31] Reduction of mouth malodour and volatile sulphur compounds in intensive care patients using an essential oil mouthwash.
Hur MH, Park J, Maddock-Jennings W, Kim DO, Lee MS.
Phytother Res. 2007 Jul;21(7):641-3

[32] Phytochemical study of Mentha longifolia of Morocco.
Ghoulami S, Il Idrissi A, Fkih-Tetouani S.
Fitoterapia. 2001 Jun;72(5):596-8

[33] Effect of an essential oil-containing antimicrobial mouthrinse on specific plaque bacteria in vivo.
Fine DH1, Markowitz K, Furgang D, Goldsmith D, Charles CH, Lisante TA, Lynch MC.
J Clin Periodontol. 2007 Aug;34(8):652-7. Epub 2007 May 29.

[34] The effect of Mentha spicata and Eucalyptus camaldulensis essential oils on dental biofilm.
Rasooli I, Shayegh S, Astaneh S.
Int J Dent Hyg. 2009 Aug;7(3):196-203.

[35] Relationship between smoking and folic acid, vitamin B12 and some haematological variables in patients with chronic periodontal disease.
Erdemir EO, Bergstrom J.
J Clin Periodontol. 2006 Dec;33(12):878-84.

[36] Effects of a nutritional supplement on periodontal status.
Muñoz CA, Kiger RD, Stephens JA, Kim J, Wilson AC.
Compend Contin Educ Dent. 2001 May;22(5):425-8, 430, 43

[37] Glossitis secondary to vitamin B12 deficiency anemia.
Stoopler ET, Kuperstein AS.
CMAJ. 2013 Sep 3;185(12):E582.

[38] [Effects of vitamin B12 in dentistry].
SACCO S, BOGGERO C.
Minerva Stomatol. 1952 Oct-Dec;1(4):258-64

[39] Oral Dis. 2010 Apr;16(3):242-7. doi: 10.1111/j.1601-0825.2009.01610.x. Epub 2009 Aug 4.
Melatonin in diseases of the oral cavity.
Gómez-Moreno G1, Guardia J, Ferrera MJ, Cutando A, Reiter RJ.

[40] Melatonin levels in periodontal health and disease.
Almughrabi OM, Marzouk KM, Hasanato RM, Shafik SS.
J Periodontal Res. 2013 Jun;48(3):315-21.

[41] Salivary and gingival crevicular fluid melatonin in periodontal health and disease.
Srinath R, Acharya AB, Thakur SL.
J Periodontol. 2010 Feb;81(2):277-83

[42] The effect of topical application of folic acid on gingival health.
Vogel RI, Fink RA, Frank O, Baker H.
J Oral Med. 1978 Jan-Mar;33(1):22-2

[43] Effects of folate mouthwash on experimental gingivitis in man.
Pack AR.
J Clin Periodontol. 1986 Aug;13(7):671-6

[44] Relationship between folic acid intake and gingival health in non-smoking adults in Japan.
Esaki M, Morita M, Akhter R, Akino K, Honda O.
Oral Dis. 2010 Jan;16(1):96-101

[45] The effect of folic acid on gingival health.
Vogel RI, Fink RA, Schneider LC, Frank O, Baker H.
J Periodontol. 1976 Nov;47(11):667-8

[46] Effects of topical and systemic folic acid supplementation on gingivitis in pregnancy.
Pack AR, Thomson ME.
J Clin Periodontol. 1980 Oct;7(5):402-14

[47] Relationship between smoking and folic acid, vitamin B12 and some haematological variables in patients with chronic periodontal disease.
Erdemir EO, Bergstrom J.
J Clin Periodontol. 2006 Dec;33(12):878-84

[48] Anti-inflammatory effect of vitamin D on gingivitis: a dose response randomised controlled trial.
Hiremath VP, Rao CB, Naiak V, Prasad KV.
Indian J Public Health. 2013 Jan-Mar;57(1):29-32

[49] Relationships among interleukin-6, tumor necrosis factor-α, adipokines, vitamin D, and chronic periodontitis.
Teles FR, Teles RP, Martin L, Socransky SS, Haffajee AD.
J Periodontol. 2012 Sep;83(9):1183-9

[50] Vitamin D and Dental Caries in Children.
Schroth RJ, Rabbani R, Loewen G, Moffatt ME.
J Dent Res. 2016 Feb;95(2):173-9

[51] Prenatal vitamin D and dental caries in infants.
Schroth RJ, Lavelle C, Tate R, Bruce S, Billings RJ, Moffatt ME.
Pediatrics. 2014 May;133(5):e1277-84.

[52] Higher vitamin D intake during pregnancy is associated with reduced risk of dental caries in young Japanese children.
Tanaka K, Hitsumoto S, Miyake Y, Okubo H, Sasaki S, Miyatake N, Arakawa M.
Ann Epidemiol. 2015 Aug;25(8):620-5

[53] Elevated serum 25(OH)-vitamin D levels are negatively correlated with molar-incisor hypomineralization.
Kühnisch J, Thiering E, Kratzsch J, Heinrich-Weltzien R, Hickel R, Heinrich J; GINIplus study group; LISAplus study group.
J Dent Res. 2015 Feb;94(2):381-7

[54] Comparative epidemiology of multiple sclerosis and dental caries.
Craelius W.
J Epidemiol Community Health. 1978 Sep;32(3):155-65

[55] Association between serum concentrations of 25-hydroxyvitamin D and gingival inflammation.
Dietrich T, Nunn M, Dawson-Hughes B, Bischoff-Ferrari HA.
Am J Clin Nutr. 2005 Sep;82(3):575-80

[1a] Northrop-Clewes CA Thurnham DI.
Monitoring micronutrients in cigarette smokers.
Clin Chim Acta. 2007 Feb;377(1-2):14-38.

[2a] Dallongeville J, Marécaux N, Fruchart JC, Amouyel P.
Cigarette smoking is associated with unhealthy patterns of nutrient intake: a meta-analysis.
J Nutr . 1998 Sep;128(9):1450-7.

[3a] Bruno RS, Traber MG.
Cigarette smoke alters human vitamin E requirements.
J Nutr . 2005 Apr;135(4):671-4

[4a] Rittmueller SE, Corriveau A, Sharma S.
Differences in dietary quality and adequacy by smoking status among a Canadian Aboriginal population.
Public Health . 2012 Jun;126(6):490-7.

[5a] McDermott R, Campbell S, Li M, McCulloch B.
The health and nutrition of young indigenous women in north Queensland - intergenerational implications of poor food quality, obesity, diabetes, tobacco smoking and alcohol use.

[6a] Schleicher RL Carroll MD Ford ES Lacher DA.
Serum vitamin C and the prevalence of vitamin C deficiency in the United States: 2003-2004 National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES).
Am J Clin Nutr. 2009 Nov;90(5):1252-63

[7a] Jain A Agrawal BK Varma M Jadhav AA.
Antioxidant status and smoking habits: relationship with diet.
Singapore Med J. 2009 Jun;50(6):624-7

[8a] Preston AM Rodriguez C Rivera CE Sahai H.
Influence of environmental tobacco smoke on vitamin C status in children.
Am J Clin Nutr. 2003 Jan;77(1):167-72.

[9a] Panda K1, Chattopadhyay R Chattopadhyay DJ Chatterjee IB.
Vitamin C prevents cigarette smoke-induced oxidative damage in vivo.
Free Radic Biol Med. 2000 Jul 15;29(2):115-24.

[10a] Dietrich M, Block G, Benowitz NL, Morrow JD, Hudes M, Jacob P 3rd, Norkus EP, Packer L.
Vitamin C supplementation decreases oxidative stress biomarker f2-isoprostanes in plasma of nonsmokers exposed to environmental tobacco smoke.
Nutr Cancer . 2003;45(2):176-84

[11a] Das A Dey N Ghosh A Das S Chattopadhyay DJ Chatterjee IB.
Molecular and cellular mechanisms of cigarette smoke-induced myocardial injury: prevention by vitamin C.
PLoS One. 2012;7(9):e44151.

[12a] Panda K Chattopadhyay R Chattopadhyay D Chatterjee IB.
Cigarette smoke-induced protein oxidation and proteolysis is exclusively caused by its tar phase: prevention by vitamin C.
Toxicol Lett. 2001 Aug 6;123(1):21-32.

[13a] Edefonti V Hashibe M Parpinel M Turati F Serraino D Matsuo K Olshan AF Zevallos JP Winn DM Moysich K Zhang ZF Morgenstern H Levi F Kelsey K McClean M Bosetti C, Galeone C Schantz S Yu GP Boffetta P Amy Lee YC Chuang SC La Vecchia C, Decarli A.
Natural vitamin C intake and the risk of head and neck cancer: A pooled analysis in the International Head and Neck Cancer Epidemiology Consortium
Int J Cancer. 2015 Jul 15;137(2):448-62.

[14a] Malavolti M Malagoli C Fiorentini C Longo C Farnetani F Ricci C Albertini G Lanzoni A Reggiani C Virgili A Pagliarello C Santini M, Fanti PA Dika E Sieri S Krogh V Pellacani G Vinceti M.
Association between dietary vitamin C and risk of cutaneous melanoma in a population of Northern Italy
Int J Vitam Nutr Res. 2013;83(5):291-8

[15a] Leenders M Leufkens AM Siersema PD et al.
Plasma and dietary carotenoids and vitamins A, C and E and risk of colon and rectal cancer in the European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition.
Int J Cancer. 2014 Dec 15;135(12):2930-9

[16a] Maserejian NN1, Giovannucci E Rosner B Joshipura K.
Prospective study of vitamins C, E, and A and carotenoids and risk of oral premalignant lesions in men.
Int J Cancer. 2007 Mar 1;120(5):970-7

[17a] Toporcov TN Znaor A Zhang ZF Yu GP Winn DM Wei Q et al.
Risk factors for head and neck cancer in young adults: a pooled analysis in the INHANCE consortium.
Int J Epidemiol. 2015 Feb;44(1):169-85

[18a] Kishikawa H, Sato K Yamauchi T Katakura A Shibahara T Takano N Nishida J
Incidence and risk factors for colorectal neoplasia in patients with oral squamous cell carcinoma.
Colorectal Dis. 2014 Nov;16(11):888-95.

[19a] Macek MD, Yellowitz JA.
Oral cancer examinations among smokers and moderate-heavy drinkers, United States, 2008.
J Public Health Dent . 2013 Fall;73(4):280-8.

[20a] Radoï L Paget-Bailly S Cyr D Papadopoulos A Guida F Schmaus A Cénée S Menvielle G Carton M Lapôtre-Ledoux B Delafosse P Stücker I Luce D.
Tobacco smoking, alcohol drinking and risk of oral cavity cancer by subsite: results of a French population-based case-control study, the ICARE study
Eur J Cancer Prev. 2013 May;22(3):268-76

[21a] Buijsse B, Jacobs DR Jr, Steffen LM, Kromhout D, Gross MD.
Plasma Ascorbic Acid, A Priori Diet Quality Score, and Incident Hypertension: A Prospective Cohort Study.
PLoS One . 2015 Dec 18;10(12):e014492

[22a] Chen GC, Lu DB, Pang Z, Liu QF.
Vitamin C intake, circulating vitamin C and risk of stroke: a meta-analysis of prospective studies.
J Am Heart Assoc . 2013 Nov 27;2(6)

[23a] Kobori Y, Ota S, Sato R, Yagi H, Soh S, Arai G, Okada H.
Antioxidant cosupplementation therapy with vitamin C, vitamin E, and coenzyme Q10 in patients with oligoasthenozoospermia.
Arch Ital Urol Androl . 2014 Mar 28;86(1):1-4

[24a] Vani K, Kurakula M, Syed R, Alharbi K.
Clinical relevance of vitamin C among lead-exposed infertile men.
Genet Test Mol Biomarkers . 2012 Sep;16(9):1001-6

[25a] Schectman G1 Byrd JC Hoffmann R.
Ascorbic acid requirements for smokers: analysis of a population survey.
Am J Clin Nutr. 1991 Jun;53(6):1466-70.

[26a] Schectman G
Estimating ascorbic acid requirements for cigarette smokers.
Ann N Y Acad Sci . 1993 May 28;686:335-45.

[27a] Durup D, Jørgensen HL, Christensen J, Tjønneland A, Olsen A, Halkjær J, Lind B, Heegaard AM, Schwarz P.
A Reverse J-Shaped Association Between Serum 25-Hydroxyvitamin D and Cardiovascular Disease Mortality: The CopD Study.
J Clin Endocrinol Metab . 2015 Jun;100(6):2339-46.

[28a] Ciccone MM, Zito A, Dentamaro I, Vestito D, Scicchitano P, Iacoviello M, De Pergola G, Devito F.
Vitamin D deficiency and cardiovascular diseases.
G Ital Cardiol (Rome) . 2015 Jan;16(1):16-20

[29a] Tuliani TA, Shenoy M, Deshmukh A, Rathod A, Pant S, Badheka AO, Levine D, Afonso L.
Major electrocardiographic abnormalities and 25-hydroxy vitamin D deficiency: insights from National Health and Nutrition Examination Survey-III.
Clin Cardiol . 2014 Nov;37(11):660-6.

[30a] Ford JA, MacLennan GS, Avenell A, Bolland M, Grey A, Witham M; RECORD Trial Group
Cardiovascular disease and vitamin D supplementation: trial analysis, systematic review, and meta-analysis.
Am J Clin Nutr . 2014 Sep;100(3):746-55

[31a] Eliades M, Spyrou E
Vitamin D: a new player in non-alcoholic fatty liver disease?
World J Gastroenterol . 2015 Feb 14;21(6):1718-27

[32a] Iruzubieta P, Terán Á, Crespo J, Fábrega E.
Vitamin D deficiency in chronic liver disease.
World J Hepatol . 2014 Dec 27;6(12):901-15

[33a] Dasarathy J, Periyalwar P, Allampati S, Bhinder V, Hawkins C, Brandt P, Khiyami A, McCullough AJ, Dasarathy S.
Hypovitaminosis D is associated with increased whole body fat mass and greater severity ofnon-alcoholic fatty liver disease.
Liver Int . 2014 Jul;34(6):e118-27.

[34a] Odler B, Ivancsó I, Somogyi V, Benke K, Tamási L, Gálffy G, Szalay B, Müller V
Vitamin D deficiency is associated with impaired disease control in asthma-COPD overlap syndrome patients.
Int J Chron Obstruct Pulmon Dis . 2015 Sep 24;10:2017-25.

[35a] Skaaby T, Husemoen LL, Thuesen BH, Pisinger C, Jørgensen T, Fenger RV, Linneberg A
Vitamin D status and chronic obstructive pulmonary disease: a prospective general population study.
PLoS One . 2014 Mar 4;9(3):e90654.

[36a] Foong RE, Zosky GR.
Vitamin D deficiency and the lung: disease initiator or disease modifier?
Nutrients . 2013 Jul 26;5(8):2880-900.

[37a] Toniato E, Spinas E, Saggini A, Kritas SK, Caraffa A, Antinolfi P, Saggini R, Pandolfi F, Conti P.
IMMUNOMODULATORY EFFECTS OF VITAMIN D ON SKININFLAMMATION.
J Biol Regul Homeost Agents . 2015 Jul-Sep;29(3):563-7

[38a] Mangin M, Sinha R, Fincher K.
Inflammation and vitamin D: the infection connection.
Inflamm Res . 2014 Oct;63(10):803-19.

[39a] Okumura K, Tsukamoto H.
Folate in smokers.
Clin Chim Acta . 2011 Mar 18;412(7-8):521-6.

[40a] Vardavas CI, Linardakis MK, Hatzis CM, Malliaraki N, Saris WH, Kafatos AG.
Smoking status in relation to serum folate and dietary vitamin intake.
Tob Induc Dis . 2008 Sep 9;4:8.

[41a] Hamid A, Kaur J.
Chronic alcoholism alters the transport characteristics of folate in rat renal brush border membrane.
Alcohol . 2006 Jan;38(1):59-66.

[42a] Gräsbeck R.
Megaloblastic Anaemia (MA).
Hematology . 2005;10 Suppl 1:227-8.

[43a] Laanpere M, Altmäe S, Stavreus-Evers A, Nilsson TK, Yngve A, Salumets A.
Folate-mediated one-carbon metabolism and its effect on female fertility and pregnancy viability.
Nutr Rev . 2010 Feb;68(2):99-113.

[44a] Tamura T, Picciano MF.
Folate and human reproduction.
Am J Clin Nutr . 2006 May;83(5):993-1016.

[45a] van der Wal HH, Comin-Colet J, Klip IT, Enjuanes C, Grote Beverborg N, Voors AA, Banasiak W, van Veldhuisen DJ, Bruguera J, Ponikowski P, Jankowska EA, van der Meer P.
Vitamin B12 and folate deficiency in chronic heart failure.
Heart . 2015 Feb;101(4):302-10.

[46a] Greenberg JA, Bell SJ, Guan Y, Yu YH.
Folic Acid supplementation and pregnancy: more than just neural tube defect prevention.
Rev Obstet Gynecol . 2011 Summer;4(2):52-9

[47a] Heart. 2015 Feb;101(4):302-10.
Lower folate levels in gastric cancer: is it a cause or a result?
World J Gastroenterol . 2015 Apr 7;21(13):4101-2.

[48a] Jennings BA, Willis G.
How folate metabolism affects colorectal cancer development and treatment; a story of heterogeneity and pleiotropy.
Cancer Lett . 2015 Jan 28;356(2 Pt A):224-30

[49a] Shea TB.
Folate, the methionine cycle, and Alzheimer's disease.
J Alzheimers Dis . 2006 Aug;9(4):359-60

[50a] Ho PI, Ashline D, Dhitavat S, Ortiz D, Collins SC, Shea TB, Rogers E.
Folate deprivation induces neurodegeneration: roles of oxidative stress and increased homocysteine.
Neurobiol Dis. 2003 Oct;14(1):32-42

[51a] Shipton MJ, Thachil J
Vitamin B12 deficiency - A 21st century perspective .
Clin Med (Lond) . 2015 Apr;15(2):145-50.

[52a] Andrès E, Federici L, Affenberger S, Vidal-Alaball J, Loukili NH, Zimmer J, Kaltenbach G.
B12 deficiency: a look beyond pernicious anemia.
J Fam Pract . 2007 Jul;56(7):537-42.

[53a] Bennett M.
Vitamin B12 deficiency, infertility and recurrent fetal loss.
J Reprod Med . 2001 Mar;46(3):209-12.

[54a] Zappacosta B, Persichilli S, Iacoviello L, Di Castelnuovo A, Graziano M, Gervasoni J, Leoncini E, Cimino G, Mastroiacovo P.
Folate, vitamin B12 and homocysteine status in an Italian blood donor population.
J Reprod Med . 2001 Mar;46(3):209-12.

[55a] Ulatowski L, Manor D.
Vitamin E trafficking in neurologic health and disease.
Annu Rev Nutr . 2013;33:87-103.

[56a] Traber MG.
Vitamin E inadequacy in humans: causes and consequences.
Adv Nutr . 2014 Sep;5(5):503-14.

[57a] Iwasa K, Shima K, Komai K, Nishida Y, Yokota T, Yamada M.
Retinitis pigmentosa and macular degeneration in a patient with ataxia with isolated vitamin E deficiency with a novel c.717 del C mutation in the TTPA gene.
J Neurol Sci . 2014 Oct 15;345(1-2):228-30.

[58a] Pekmezci D.
Vitamin E and immunity.
Vitam Horm . 2011;86:179-215.

[59a] Aslam A, Misbah SA, Talbot K, Chapel H.
Vitamin E deficiency induced neurological disease in common variable immunodeficiency: two cases and a review of the literature of vitamin E deficiency.
Clin Immunol . 2004 Jul;112(1):24-9.

[60a] Dror DK, Allen LH.
Vitamin E deficiency in developing countries.
Food Nutr Bull . 2011 Jun;32(2):124-43.

[61a] Hemilä H, Kaprio J.
Vitamin E supplementation and pneumonia risk in males who initiated smoking at an early age: effect modification by body weight and dietary vitamin C.
Nutr J . 2008 Nov 19;7:33.

[62a] Ahn J, Moslehi R, Weinstein SJ, Snyder K, Virtamo J, Albanes D.
Family history of prostate cancer and prostate cancer risk in the Alpha-Tocopherol, Beta-Carotene Cancer Prevention (ATBC) Study.
Int J Cancer . 2008 Sep 1;123(5):1154-9.

[63a] Gabriel HE, Liu Z, Crott JW, Choi SW, Song BC, Mason JB, Johnson EJ.
A comparison of carotenoids, retinoids, and tocopherols in the serum and buccal mucosa of chronic cigarette smokers versus nonsmokers.
Cancer Epidemiol Biomarkers Prev . 2006 May;15(5):993-9.

[64a] Csordas A, Bernhard D.
The biology behind the atherothrombotic effects of cigarette smoke.
Nat Rev Cardiol . 2013 Apr;10(4):219-30.

[65a] Kim JH, Cho MH, Choi KC, Lee K, Kim KS, Shim SM.
Oxidative Stress Induced by Cigarette Smoke Extracts in Human Brain Cells (T98G) and Human Brain Microvascular Endothelial Cells (HBMEC) in Mono- and Co-Culture.
J Toxicol Environ Health A . 2015;78(15):1019-2

[66a] Liu J1, Liang Q, Frost-Pineda K, Muhammad-Kah R, Rimmer L Roethig H, Mendes P, Sarkar M.
Relationship between biomarkers of cigarette smoke exposure and biomarkers of inflammation, oxidative stress, and platelet activation in adult cigarette smokers.
Cancer Epidemiol Biomarkers Prev. 2011 Aug;20(8):1760-9.

[67a] Kirkham PA, Barnes PJ.
Oxidative stress in COPD.
Chest . 2013 Jul;144(1):266-73.

[68a] Goldkorn T, Filosto S, Chung S.
Lung injury and lung cancer caused by cigarette smoke-induced oxidative stress: Molecular mechanisms and therapeutic opportunities involving the ceramide-generating machinery and epidermal growth factor receptor.
Antioxid Redox Signal . 2014 Nov 20;21(15):2149-74

[69a] Yoshida T, Mett I, Bhunia AK, Bowman J, Perez M, Zhang L, Gandjeva A, Zhen L, Chukwueke U, Mao T, Richter A, Brown E, Ashush H, Notkin N, Gelfand A, Thimmulappa RK, Rangasamy T, Sussan T, Cosgrove G, Mouded M, Shapiro SD, Petrache I, Biswal S, Feinstein E, Tuder RM
Rtp801, a suppressor of mTOR signaling, is an essential mediator of cigarette smoke-induced pulmonary injury and emphysema.
Nat Med . 2010 Jul;16(7):767-73

[70a] Chang CM, Corey CG, Rostron BL, Apelberg BJ
Systematic review of cigar smoking and all cause and smoking related mortality.
BMC Public Health . 2015 Apr 24;15:390

[71a] Aksoy S, Cam N, Gurkan U, Oz D, Özden K, Altay S, Durmus G, Agirbasli M.
Oxidative stress and severity of coronary artery disease in young smokers with acute myocardial infarction.
Cardiol J . 2012;19(4):381-6.

[72a] Siasos G, Tsigkou V, Kokkou E, Oikonomou E, Vavuranakis M, Vlachopoulos C, Verveniotis A, Limperi M, Genimata V, Papavassiliou AG, Stefanadis C, Tousoulis D.
Smoking and atherosclerosis: mechanisms of disease and new therapeutic approaches.
Curr Med Chem . 2014;21(34):3936-48

[73a] Jessup M, Antman E.
Reducing the risk of heart attack and stroke: the American Heart Association/American College of Cardiology prevention guidelines.
Circulation . 2014 Aug 5;130(6):e48-50

[74a] Caramori G, Kirkham P, Barczyk A, Di Stefano A, Adcock I.
Molecular pathogenesis of cigarette smoking-induced stable COPD.
Ann N Y Acad Sci . 2015 Mar;1340:55-64.

[75a] Yu Y, Liu H, Zheng S, Ding Z, Chen Z, Jin W, Wang L, Wang Z, Fei Y, Zhang S, Ying K, Zhang R.
Gender susceptibility for cigarette smoking-attributable lung cancer: a systematic review and meta-analysis.
Lung Cancer . 2014 Sep;85(3):351-60.

[76a] Warren GW, Cummings KM.
Tobacco and lung cancer: risks, trends, and outcomes in patients with cancer.
Am Soc Clin Oncol Educ Book . 2013:359-64

[77a] Huber MA1, Tantiwongkosi B2.
Oral and oropharyngeal cancer.
Med Clin North Am. 2014 Nov;98(6):1299-321. doi: 10.1016/j.mcna.2014.08.005. Epub 2014 Sep 2

[78a] Chow WH1, Dong LM, Devesa SS.
Epidemiology and risk factors for kidney cancer.
Nat Rev Urol. 2010 May;7(5):245-57.

[79a] Anderson B1, Naish W.
Bladder cancer and smoking. Part 1: addressing the associated risk factors.
Br J Nurs. 2008 Oct 9-22;17(18):1182-6.

[80a] Malats N, Real FX.
Epidemiology of bladder cancer.
Hematol Oncol Clin North Am . 2015 Apr;29(2):177-89, vii

[81a] Maisonneuve P, Lowenfels AB.
Risk factors for pancreatic cancer: a summary review of meta-analytical studies.
Int J Epidemiol . 2015 Feb;44(1):186-98.

[82a] Li LF, Chan RL, Lu L, Shen J, Zhang L, Wu WK, Wang L, Hu T, Li MX, Cho CH.
Cigarette smoking and gastrointestinal diseases: the causal relationship and underlying molecular mechanisms (review).
Int J Mol Med . 2014 Aug;34(2):372-80

[83a] Toll BA, Rojewski AM, Duncan LR, Latimer-Cheung AE, Fucito LM, Boyer JL, O'Malley SS, Salovey P, Herbst RS.
"Quitting smoking will benefit your health": the evolution of clinician messaging to encourage tobacco cessation.
Clin Cancer Res . 2014 Jan 15;20(2):301-9.

[84a] Mah E, Pei R, Guo Y, Ballard KD, Barker T, Rogers VE, Parker BA, Taylor AW, Traber MG, Volek JS, Bruno RS.
γ-Tocopherol-rich supplementation additively improves vascular endothelial function during smoking cessation.
Free Radic Biol Med . 2013 Dec;65:1291-9

[85a] Bo S, Ciccone G, Castiglione A, Gambino R, De Michieli F, Villois P, Durazzo M, Cavallo-Perin P, Cassader M.
Anti-inflammatory and antioxidant effects of resveratrol in healthy smokers a randomized, double-blind, placebo-controlled, cross-over trial.
Curr Med Chem . 2013;20(10):1323-31

[86a] The effect of vitamin E and beta carotene on the incidence of lung cancer and other cancers in male smokers. The Alpha-Tocopherol, Beta Carotene Cancer Prevention Study Group.
N Engl J Med . 1994 Apr 14;330(15):1029-35

[87a] Goralczyk R.
Beta-carotene and lung cancer in smokers: review of hypotheses and status of research.
Nutr Cancer . 2009;61(6):767-74.

[88a] Liu J, Wang Z.
Increased Oxidative Stress as a Selective Anticancer Therapy.
Oxid Med Cell Longev . 2015;2015:294303.

[89a] Ozben T.
Antioxidant supplementation on cancer risk and during cancer therapy: an update.
Curr Top Med Chem . 2015;15(2):170-8

[90a] Giorgio M.
Oxidative stress and the unfulfilled promises of antioxidant agents.

Ecancermedicalscience. 2015 Jul 23;9:556.

[91a] Cazzola M, Calzetta L, Page C, Jardim J, Chuchalin AG, Rogliani P, Matera MG.
Influence of N-acetylcysteine on chronic bronchitis or COPD exacerbations: a meta-analysis.
Eur Respir Rev . 2015 Sep;24(137):451-61

[92a] Shen Y, Cai W, Lei S, Zhang Z
Effect of high/low dose N-acetylcysteine on chronic obstructive pulmonary disease: a systematic review and meta-analysis.
COPD . 2014 Jun;11(3):351-8

[93a] Jiun IL, Siddik SN, Malik SN, Tin-Oo MM, Alam MK, Khan MM
Association Between Oral Hygiene Status and Halitosis Among Smokers and Nonsmokers.
Oral Health Prev Dent . 2015;13(5):395-405.

[94a] Sanders A, Slade G.
State cigarette excise tax, secondhand smoke exposure, and periodontitis in US nonsmokers.
Am J Public Health . 2013 Apr;103(4):740-6.

[95a] Torrungruang K, Gongsakdi V, Laohaviraphab L, Likittanasombat K, Ratanachaiwong W.
Association between cigarette smoking and the intraoral distribution of periodontal disease in Thai men over 50 years of age.
J Investig Clin Dent . 2012 May;3(2):135-41

[96a] Ayaz EA, Altintas SH, Turgut S.
Effects of cigarette smoke and denture cleaners on the surface roughness and color stability of different denture teeth.
J Prosthet Dent . 2014 Aug;112(2):241-8

[97a] Vellappally S, Fiala Z, Smejkalová J, Jacob V, Shriharsha P.
Influence of tobacco use in dental caries development.
Cent Eur J Public Health . 2007 Sep;15(3):116-21

[98a] Erdemir EO, Bergstrom J.
Relationship between smoking and folic acid, vitamin B12 and some haematological variables in patients with chronic periodontal disease.
J Clin Periodontol . 2006 Dec;33(12):878-84

[99a] Subramaniyan M, Dani JA.
Dopaminergic and cholinergic learning mechanisms in nicotine addiction.
Ann N Y Acad Sci . 2015 Sep;1349:46-63

[100a] Kishioka S, Kiguchi N, Kobayashi Y, Saika F.
Nicotine effects and the endogenous opioid system.
J Pharmacol Sci . 2014;125(2):117-24

[101a] Herman AI, DeVito EE, Jensen KP, Sofuoglu M
Pharmacogenetics of nicotine addiction: role of dopamine.
Pharmacogenomics . 2014 Feb;15(2):221-34

[102a] Sliwińska-Mossoń M, Zieleń I, Milnerowicz H.
New trends in the treatment of nicotine addiction.
Acta Pol Pharm . 2014 Jul-Aug;71(4):525-30.

[103a] Stanton A, Grimshaw G.
Tobacco cessation interventions for young people.
Cochrane Database Syst Rev . 2013 Aug 23;8:

[104a] Rennard SI, Daughton DM.
Smoking cessation.
Clin Chest Med . 2014 Mar;35(1):165-7

[105a] Schmaal L, Berk L, Hulstijn KP, Cousijn J, Wiers RW, van den Brink W.
Efficacy of N-acetylcysteine in the treatment of nicotine dependence: a double-blind placebo-controlled pilot study.
Eur Addict Res . 2011;17(4):211-6.

[106a] Prado E, Maes M, Piccoli LG, Baracat M, Barbosa DS, Franco O, Dodd S, Berk M, Vargas Nunes SO.
N-acetylcysteine for therapy-resistant tobacco use disorder: a pilot study.
Redox Rep . 2015 Sep;20(5):215-22

[107a] Zhdanova IV, Piotrovskaya VR.
Melatonin treatment attenuates symptoms of acute nicotine withdrawal in humans.
Pharmacol Biochem Behav . 2000 Sep;67(1):131-5

[108a] Ursing C, von Bahr C, Brismar K, Röjdmark S.
Influence of cigarette smoking on melatonin levels in man.
Eur J Clin Pharmacol . 2005 May;61(3):197-201

[109a] Horton WJ, Gissel HJ, Saboy JE, Wright KP Jr, Stitzel JA
Melatonin administration alters nicotine preference consumption via signaling through high-affinity melatonin receptors.
Psychopharmacology (Berl) . 2015 Jul;232(14):2519-30

[110a] P. G. Lindqvist, E. Epstein, K. Nielsen, M. Landin-Olsson, C. Ingvar, H. Olsson.
Avoidance of sun exposure as a risk factor for major causes of death: a competing risk analysis of the Melanoma in Southern Sweden cohort.
Journal of Internal Medicine, 2016; DOI: 10.1111/joim.12496

[111a] Sanaappa Virupaxappa Kashinakunti,1 Pampareddy Kollur, Gurupadappa Shantappa Kallaganada, Manjula Rangappa, and Jagadish Basavaraj Ingin
Comparative study of serum MDA and vitamin C levels in non-smokers, chronic smokers and chronic smokers with acute myocardial infarction in men.
J Res Med Sci. 2011 Aug; 16(8): 993–998.

[112a] Dietrich M, Block G, Norkus EP, Hudes M, Traber MG, Cross CE
Smoking and exposure to environmental tobacco smoke decrease some plasma antioxidants and increase gamma-tocopherol in vivo after adjustment for dietary antioxidant intakes.
Am J Clin Nutr. 2003;77(1):160–6.

[113a] Miller ER, Appel LJ, Jiang L, Risby TH
Association between cigarette smoking and lipid peroxidation in a controlled feeding study.
Circulation. 1997;96(4):1097–101

[114a] Lykkesfeldt J, Christen S, Wallock LM, Chang HH, Jacob RA, Ames BN.
Ascorbate is depleted by smoking and repleted by moderate supplementation: a study in male smokers and nonsmokers with matched dietary antioxidant intakes
Am J Clin Nutr. 2000 Feb;71(2):530-6.

[115a] Steinberg FM1, Chait A.
Antioxidant vitamin supplementation and lipid peroxidation in smokers
Am J Clin Nutr. 1998 Aug;68(2):319-27.

[116a] Steinberg FM1, Chait A.
Antioxidant vitamin supplementation reduces benzo(a)pyrene-DNA adducts and potential cancer risk in female smokers
Am J Clin Nutr. 1998 Aug;68(2):319-27.

[117a] McEvoy CT1, Schilling D1, Clay N1, Jackson K2, Go MD1, Spitale P2, Bunten C3, Leiva M4, Gonzales D1, Hollister-Smith J5, Durand M6, Frei B7, Buist AS1, Peters D1, Morris CD1, Spindel ER5.
Vitamin C supplementation for pregnant smoking women and pulmonary function in their newborn infants: a randomized clinical trial
JAMA. 2014 May;311(20):2074-82. doi: 10.1001/jama.2014.5217.

[118a] Helen A1, Vijayammal PL.
Vitamin C supplementation on hepatic oxidative stress induced by cigarette smoke
J Appl Toxicol. 1997 Sep-Oct;17(5):289-95.

[119a] Leonard SW, Bruno RS, Ramakrishnan R, Bray T, Traber MG
Cigarette smoking increases human vitamin E requirements as estimated by plasma deuterium-labeled CEHC
Ann N Y Acad Sci. 2004 Dec;1031:357-60.

[120a] Slesinski MJ, Subar AF, Kahle LL
Trends in use of vitamin and mineral suppplements in the United States
J Am Diet Assoc 1995;95:921–3

[121a] Zondervan KT, Ocke MC, Smit HA, Seidell JC
Do dietary and supplementary intakes of antioxidants differ with smoking status?
Int J Epidemiol 1996;25:70–9.

[122a] Kim HJ, Giovannucci E, Rosner B, Willett WC, Cho E.
Longitudinal and secular trends in dietary supplement use: Nurses’ Health Study and Health Professionals Follow-up Study, 1986–2006
J Acad Nutr Diet. 2014 Mar;114(3):436-43. doi: 10.1016/j.jand.2013.07.039. Epub 2013 Oct 9.

[123a] Lee HJ, Je DI, Won SJ, Paik DI, Bae KH
Association between vitamin D deficiency and periodontal status in current smokers
Community Dent Oral Epidemiol. 2015 Oct;43(5):471-8. doi: 10.1111/cdoe.12173. Epub 2015 May 29.

[124a] Ozan E, Sonmez MF, Ozan S, Colakoglu N, Yilmaz S, Kuloglu T
Effects of melatonin and vitamin C on cigarette smoke-induced damage in the kidney
Toxicol Ind Health. 2007 Sep;23(8):479-85.

[125a] Wang Z, Ni L, Wang J, Lu C, Ren M, Han W, Liu C.
The protective effect of melatonin on smoke-induced vascular injury in rats and humans: a randomized controlled trial.
J Pineal Res. 2016 Mar;60(2):217-27. doi: 10.1111/jpi.12305. Epub 2016 Jan 13.

[126a] Dietrich M, Block G, Hudes M, Morrow JD, Norkus EP, Traber MG, Cross CE, Packer L.
Antioxidant supplementation decreases lipid peroxidation biomarker F(2)-isoprostanes in plasma of smokers.
Cancer Epidemiol Biomarkers Prev 2002 May;11(5):501.

[127a] Takase B, Etsuda H, Matsushima Y, Ayaori M, Kusano H, Hamabe A, Uehata A, Ohsuzu F, Ishihara M, Kurita A..
Effect of chronic oral supplementation with vitamins on the endothelial function in chronic smokers.
Angiology. 2004 Nov-Dec;55(6):653-60.

[128a] Takase B, Etsuda H, Matsushima Y, Ayaori M, Kusano H, Hamabe A, Uehata A, Ohsuzu F, Ishihara M, Kurita A..
Association of vitamin C, vitamin D, vitamin E and risk of bladder cancer: a dose-response meta-analysis.
Sci Rep. 2015 Apr 23;5:9599. doi: 10.1038/srep09599.

[129a] Kirsh VA, Hayes RB, Mayne ST, et al..
Supplemental and Dietary Vitamin E, β-Carotene, and Vitamin C Intakes and Prostate Cancer Risk .
J Natl Cancer Inst 2006;98:245–54.

[130a] Larsson SC, Giovannucci E, Wolk A.
A Prospective Study of Dietary Folate Intake and Risk of Colorectal Cancer: Modification by Caffeine Intake and Cigarette Smoking .
Cancer Epidemiol Biomarkers Prev 2005

[131a] Larsson SC, Giovannucci E, Wolk A.
In vitro assessment of tobacco smoke toxicity at the BBB: do antioxidant supplements have a protective role?
BMC Neurosci. 2011 Sep 24;12:92. doi: 10.1186/1471-2202-12-92.

[132a] McClure EA1, Baker NL, Gipson CD, Carpenter MJ, Roper AP, Froeliger BE, Kalivas PW, Gray KM.
An open-label pilot trial of N-acetylcysteine and varenicline in adult cigarette smokers
Am J Drug Alcohol Abuse. 2015 Jan;41(1):52-6. doi: 10.3109/00952990.2014.933839. Epub 2014 Jul 25.

[133a] Froeliger B, McConnell PA, Stankeviciute N, McClure EA, Kalivas PW, Gray KM.
The effects of N-Acetylcysteine on frontostriatal resting-state functional connectivity, withdrawal symptoms and smoking abstinence: A double-blind, placebo-controlled fMRI pilot study
Drug Alcohol Depend. 2015 Nov 1;156:234-42. doi: 10.1016/j.drugalcdep.2015.09.021. Epub 2015 Sep 26.

[134a] PNR Dekhuijzen and WJC van Beurden
The role for N-acetylcysteine in the management of COPD
Int J Chron Obstruct Pulmon Dis. 2006 Jun; 1(2): 99–106.

[135a] Van Schooten FJ, Besaratinia A, De Flora S, D'Agostini F et al.
Effects of oral administration of N-acetyl-L-cysteine: a multi-biomarker study in smokers.
Cancer Epidemiol Biomarkers Prev. 2002 Feb;11(2):167-75.

[136a] Cara L Frankenfeld, James R Cerhan et al.
Dietary flavonoid intake and non-Hodgkin lymphoma risk.
Am J Clin Nutr. 2008 May;87(5):1439-45.

[137a] Mangoni AA, Sherwood RA, Swift CG, Jackson SH.
Folic acid enhances endothelial function and reduces blood pressure in smokers: a randomized controlled trial.
J Intern Med. 2002 Dec;252(6):497-503.

[138a] Spitale RC, Cheng MY, Chun KA, Gorell ES, Munoz CA, Kern DG, Wood SM, Knaggs HE, Wulff J, Beebe KD, Chang AL.
Differential effects of dietary supplements on metabolomic profile of smokers versus non-smokers.
Genome Med. 2012 Feb 23;4(2):14. doi: 10.1186/gm313.

[139a] Urbańska M, Nowak G, Florek E.
Cigarette smoking and its influence on skin aging.
Przegl Lek. 2012;69(10):1111-4.

X115®SD - Special Defence 16 €

Trova la Farmacia Autorizzata
più vicina a Te con il nostro store locator